Per informazioni: +39 0771 209277 +39 3888854584
info@ostellodelgolfo.it

Vivere l’eremo

L’eremo di San Michele Arcangelo è una piccola chiesa situata alle pendici di monte Altino, che appartiene alla catena dei monti Aurunci, a 1220 m s.l.m. nel territorio del Borgo di Maranola (frazione di Formia)

Incastonata nella roccia, si trova lungo il sentiero che da Sella Sola conduce fino alla cima del Redentore, su un costone a strapiombo.

Il santuario rupestre, dedicato a san Michele Arcangelo, risale all’830, difatti viene menzionato nel Codex Diplomaticus Cajetanus. Tuttavia, la facciata di pietre, che chiude una cavità naturale, fu ricostruita in stile neogotico alla fine del XIX secolo, nel 1893. Il nuovo progetto fu redatto dall’ingegnere Silvio Forte di Trivio. La roccia fu squadrata per formare l’ambiente della Chiesa e si ottenne uno spazio lungo dodici metri, largo dieci e alto sette. Sulla parete di fondo, opposta a quella d’entrata, una nicchia scavata anch’essa nella roccia, ospita la statua di San Michele.

La facciata, rivolta ad occidente e con ai lati due volumi aggettanti, al centro ha una porta d’ingresso archiacuta, sormontata da un rosone aperto per dare luce all’interno della chiesa. Sull’arco della porta, accanto alla scritta “Angelorum Principi”, sono riportate le date dell’830, anno della fondazione del vecchio cenobio, e del 5 agosto 1895, giorno di inaugurazione del nuovo Santuario. Queste date sono riportate anche su una lapide collocata all’interno della chiesa. Sia il rosone che le altre aperture della facciata erano chiuse da vetrate policrome, ora andate perse.

L’area è molto ricca di acque sorgive, che percolano un po’ dappertutto proprio dalla volta rocciosa. Le pareti interne della chiesa stessa fungono da fonte e l’acqua freddissima viene raccolta in alcune vasche in muratura. All’esterno ne è presente una di dimensioni contenute prima del santuario ed un’altra più grande in fondo, utilizzata dal bestiame.

La posizione della cappella ricavata all’interno di una grotta proprio alle pendici della montagna, è legata ad un antico racconto popolare, secondo il quale fu la statua stessa del santo ad indicare il luogo in cui voleva essere venerata.

Il sentiero da percorrere per giungere all’eremo non presenta particolari difficoltà, è anzi adatto alle famiglie, data la buona tenuta e l’agevolezza del camminamento. Lungo 7,3 km, il tragitto si compie in un’ora e 30 minuti, mentre è sconsigliato in piena estate per via della totale esposizione al sole.

Durante il periodo estivo, in occasione delle aperture estive dell’Eremo da parte dell’Associazione Giovanile Ante Omnia, è possibile organizzare passeggiate con gli stessi volontari e cittadini del Borgo di Maranola, alla scoperta dell’Eremo di San Michele, fino a raggiungere il Redentore sul Monte Altino, da cui è possibile ammirare il panorama dell’intero Golfo, fino a scorgere Napoli e le Isole.